Il Ringraziamento del pollo

Capita di stare via per due giorni in giro per concerti, per forza di cose lontani; uno a casa uno in giro, uno in giro uno a casa. Cene al ristorante, tanta musica, poche ore di sonno, un po’ di “divanite” in arretrato. Cosa c’è di meglio che scendere dal treno all’una e mezza con una fame da gibbone, trovare l’altro che ti aspetta al binario, arrivare a casa trascinandosi dietro la fedele compagna di viaggio Valigia (Luigia per gli amici), aprire il portone e sentire un profumino killer che ti accoglie già dall’androne del palazzo? Stavolta a godere di questo momento idilliaco è stata BB, accolta, al suo ritorno, da un piatto cabriniano che aveva del commovente.

INGREDIENTI x 2 persone:

  • 100 g di riso basmati bollito
  • 150 g di seitan al naturale
  • 140 g di piselli al naturale
  • 200 ml di latte di cocco
  • due cucchiaini di curry circa
  • sale e pepe qb
  • un filo d’olio evo

Tagliare a cubetti piuttosto grossolani il seitan e farlo insaporire per 5 minuti in un filo d’olio insieme ai piselli, salando e pepando a piacere. Aggiungere il latte di cocco e, quando la salsa comincia a rapprendersi, unire il curry, bilanciando la quantità a seconda dei gusti e della consistenza desiderata per la salsa. Servire  con il riso basmati semplice o aromatizzato a piacere (cannella, anice stellato, chiodi di garofano, cardamomo, cumino, ecc.), dopodichè spalmarsi sul divano come foche monache spiaggiate leccandosi i baffi.

Ognuno è in cerca della sua zucca…

Eccoci qui, reduci da un’entusiasmante tre giorni di concerti Almost 3 (nello specifico: Genova-Firenze-Torino-Genova). Tanti Km percorsi, una squisita ribollita fiorentina, il mitico gelato al gianduia di Fiorio, una golosissima torta pere-cioccolato similBrownie senza uova a colazione, e, soprattutto… Molte, moltissime note! Finalmente oggi una domenica di sole e di riposo, trascorsa sulle colline genovesi alla Festa della zucca di Murta. Tante golosità, mucchi di gente (come canterebbe la nostra amica Nathalie), che a volte rendevano difficile l’accesso alle suddette :-P. Ci siamo sfogati sulle meravigliose e incandescenti frittelle di zucca, per poi concludere con i “tortelli” di pasta frolla ripieni di marmellata di cotogne e zucca.

Anche gli occhi si sono saziati a sufficienza con l’esposizione di cucurbitacee dalle dimensioni paragonabili alla carrozza di Cenerentola e dalle forme più “aliene” :-).

Bilancio della giornata: incremento della salivazione, un “auto-regalino” speciale, ovvero marmellata di zucca superartigianale e calori/colori inaspettati.

Ascolto del giorno: Damien Rice.

A domani, con la ricetta Almost 3 di una torta senza uova, farina, zucchero e grassi (non preoccupatevi, la torta c’è!!!)

Ciao ciao!

NdC